Image default
Anziani Se

Quando un anziano non mangia, come intervenire?

La nutrizione è alla base della sopravvivenza e la sana alimentazione uno dei modi per stare in salute e prevenire tutta una serie di malattie. Nell’anziano l’alimentazione assume una connotazione ancora più importante in quanto è necessario che la persona si nutra a sufficienza ma nel rispetto del fisiologico stimolo dell’appetito diminuito e della rallentata digestione e peristalsi.

Spesso, gli anziani tendono a mangiare poco, con il rischio di indebolirsi a livello fisico e avere ripercussioni anche a livello psicologico quali apatia, depressione, umore malinconico o nervoso.

 

Quando l’anziano mangia poco

Andando avanti con l’età il metabolismo tende a rallentare e la massa muscolare e ossea a ridursi. Questo comporta una diminuzione del fabbisogno calorico e, di conseguenza, l’istinto a mangiare meno. Inoltre, gli anziani sentono meno nettamente gli stimoli, compreso quello dell’appetito.

Tuttavia, un anziano che mangia poco deve comunque preoccupare ed essere sottoposto a una visita medica, per stabilire se effettivamente le calorie e i nutrienti che assume sono carenti e perché ha perso interesse verso il cibo.

Le cause più comuni di scarsa nutrizione nell’anziano sono:

  • patologie degenerative che gli impediscono di riconoscere lo stimolo dell’appetito e, di conseguenza, perdita di interesse verso il cibo in quanto non avverte la fame;
  • diminuzione del senso del gusto e dell’olfatto che gli tolgono il piacere di una buona pietanza e gli fanno passare la voglia di mangiare;
  • difficoltà di masticazione, soprattutto se ha problematiche a livello dentale;
  • difficoltà di deglutizione, spesso associate a malattie neurologiche;
  • digestione difficoltosa che provoca mal di stomaco e sensazione di gonfiore post-prandiale, condizione fastidiosa che spinge l’anziano a non mangiare per non doverla provare;
  • rallentata peristalsi con associazione di stitichezza, condizione che può provocare una perenne sensazione di gonfiore e quindi di sazietà.

 

Cosa fare se l’anziano non mangia?

Quando una persona anziana perde interesse per il cibo e fatica a nutrirsi in maniera adeguata è importante che questo problema venga portato all’attenzione di un medico. Capire perché un anziano smette di mangiare può essere complicato e necessitare di una serie di analisi e diagnosi differenziali che solo uno specialista è in grado di fare e valutare.

È caldamente consigliato consultare anche un dentista, così da poter intervenire con una protesi o una dentiera in caso la difficoltà di masticazione sia la causa che impedisce all’anziano di nutrirsi.

Come intervenire concretamente

Una volta escluse patologie importanti, o aver iniziato le eventuali terapie prescritte dallo specialista, ci sono diverse strategie che si possono mettere in atto per stimolare un anziano a mangiare di più.

Ad esempio:

  • proporgli alimenti con gusti semplici ma ben distinguibili, in modo che gli risultino gradevoli anche se il senso del gusto non è più molto acuito. Generalmente si tratta degli stessi alimenti amati dai bambini in svezzamento: frutti dolci come mela e banana, carni aromatiche come il pollo e il tacchino, pesce azzurro o grasso come ad esempio merluzzo e salmone, verdure dal sapore intenso ma delicato come i cavoli, i broccoli e i tuberi come le patate e le patate dolci;
  • cuocere i cibi in modo che abbiano consistenza morbida e risultino semplici da masticare, deglutire e digerire;
  • in caso la masticazione sia davvero difficoltosa si può optare per cibi frullati, vellutate, yogurt, purea, minestre;
  • proporre all’anziano piccoli spuntini nel corso della giornata ed evitare pasti troppo sostanziosi;
  • integrare l’alimentazione solida con cibi liquidi e nutrienti come centrifugati, frutta grattugiata o ridotta in purea, yogurt ricchi di proteine come quello greco, creme.

 

Post Correlati

Se l’Anziano Dorme Tanto

Redazione

Perché gli anziani dormono poco?

AnzianiCon

Se L’Anziano Rifiuta La Casa Di Riposo

Redazione

Leave a Comment